Primi piatti

Spaghetti all’assassina (gli spaghetti “bruciati”)

10 Febbraio 2020

“Tutte le cose grandi e preziose sono solitarie.”
John Steinbeck| La valle dell’Eden

Eccomi qui,

lunedì scorso non sono riuscita a pubblicare il mio consueto post, ma oggi, ci tenevo tanto a farlo, non solo per lasciarvi la ricetta, ma anche e soprattutto per chiacchierare un po’ con voi.

Non ci sono grosse novità, tranne il fatto che nelle ultime due settimane, sono riuscita a lasciarmi la pigrizia alle spalle e ho ricominciato (finalmente) a correre e devo ammettere che mi sento molto meglio, non solo a livello fisico, ma anche mentale. 

Ieri sera ho terminato il libro che stavo leggendo da poco più di un mese e di cui mi sono perdutamente innamorata: La valle dell’Eden, di John Steinbeck. Già so che mi mancherà e che ogni tanto, andrò a riprenderlo tra le mani, per rileggere tutto ciò che ho sottolineato. Sono quasi 800 pagine, che però, scivolano via come un fiume in piena. Narrazione impeccabile, descrizioni da togliere il fiato, personaggi a cui, nel bene e nel male, è impossibile non affezionarsi e riflessioni, tantissime riflessioni: sulla vita, sulla religione, sulla conoscenza, sui sensi di colpa, sui rapporti umani, sulla riconoscenza, sull’amore… un libro davvero imperdibile, secondo me e che mi sento di consigliarvi caldamente.

Intanto, dopo un gennaio che sembrava interminabile, è arrivato un febbraio che sembra aver preso la rincorsa. Certe volte, davvero, non sono in grado di trovare una spiegazione razionale al modo in cui passa il tempo. Passa da lento a veloce all’improvviso o viceversa. 

Ho specificato “spiegazione razionale”, perché se dovessi lasciarmi andare a quelle irrazionali, con la mia fantasia e il mio approccio filosofico alla vita, potrei tirar fuori almeno 10 teorie differenti. 

Leggo in giro che c’è già chi aspetta con ansia la primavera, chi la sente nell’aria, chi la vede nei colori… beh, nonostante io la ami tantissimo, vorrei che arrivasse solo quando è il suo momento. Né prima e né dopo. Spero che l’inverno resista e che si tenga la sua scena fino alla fine, finché tocca a lui. 

E’ che i mutamenti climatici, mi fanno sempre più paura e solo un pazzo può dirsi contento per questi inverni sempre meno freddi e piovosi e in generale per queste stagioni sempre più imprevedibili, che disorientano non solo noi, ma anche e soprattutto gli animali e la vegetazione… 

Quindi, resisti inverno… resisti!

Oggi vi lascio una ricetta che ADORO, quella degli spaghetti all’assassina (i così detti “spaghetti bruciati”). Ricetta tipica barese, preparata con pochissimi ingredienti e tanta sapienza. Tutte le volte che vado a Bari, se li trovo in menù, non resisto e li ordino sempre. Ne ho mangiati di buonissimi anche a Bisceglie, in un posto che si chiama Olì Olà.

Impossibile non innamorarsi di questa pasta piccante, saporita e scrocchiarella. Sì, scrocchiarella, perché la caratteristica di questi spaghetti sta proprio nel lasciare che durante gli ultimi minuto di cottura, si “attacchino” alla padella, formando una crosticina croccante e bruciacchiata. 

Se li provate, fatemi sapere ;)

Ci rivediamo qui lunedì prossimo e nel frattempo, vi auguro una buonissima settimana.

M. 

Night running

Spaghetti all’assassina (gli spaghetti “bruciati”)
Piatto: Primo piatto
Cucina: Italiana, Italiana – Pugliese
Keyword: peperoncino, pomodoro, Spaghetti
Porzioni: 4
Ingredienti
  • 400 gr di spaghetti (io ho scelto uno spaghetto Rummo, n. 5)
  • 1 litro di passata di pomodoro
  • 600 ml di acqua
  • 1 spicchio d'aglio
  • q.b. di peperoncino
  • q.b. di olio evo
  • q.b. di sale
Istruzioni
  1. Fate cuocere la passata di pomodoro con un filo d'olio, fino a farla restringere, salate e aggiungete a piacere qualche pizzico di zucchero (io lo faccio sempre, per spegnere appena l'acidità del pomodoro). Tenete in caldo.

  2. In un pentolino, mettete i 600 ml di acqua con 4 mestoli del sugo ristretto, qualche pizzico di sale e portate a bollore.

  3. Mettete un'ampia padella su fiamma bassa, metteteci dentro gli spaghetti e lasciateli tostate appena, muovendoli delicatamente con un cucchiaio di legno. Noterete che si coloreranno appena, a questo punto, aggiungete lo spicchio d'aglio schiacciato, il peperoncino tritato (o se preferite, intero) e una quantità generosa di olio.

  4. Quando sentirete sfrigolare appena, aggiungete due mestoli di acqua e pomodoro e cominciate a portare gli spaghetti a cottura, muovendoli il meno possibile. Aggiungete altra acqua e pomodoro man mano che gli spaghetti l'assorbono.

  5. Quando gli spaghetti cominceranno ad ammorbidirsi un po', aggiungete anche la salsa, sempre uno/due mestoli per volta. Portate a cottura gli spaghetti aggiungendo sempre in modo alternato, finché ce ne sarà bisogno, acqua e pomodoro e salsa. Cercate di muoverli il meno possibile e di farli aderire alla superficie della padella (bordi e fondo).

  6. Assaggiate per verificare il livello di cottura, aggiustate di sale, aggiungete un filo d'olio e quando vi sembreranno cotti, eliminate lo spicchio d'aglio, aggiungete un ultimo mestolo di sugo (anche due), trasferite su fiamma alta e lasciate che si attacchino sul fondo, bruciacchiandosi un po'. E' proprio questa la loro caratteristica.

  7. Date una mescolata veloce e delicata e impiattate subito. Aggiungete a piacere un filo d'olio piccante.

Note

La ricetta tradizionale, prevede l’uso di una padella di ferro. Io ne ho utilizzata una di ghisa e in precedenza, ne avevo utilizzata una antiaderente. Il risultato, in entrambi i casi, è stato più che soddisfacente.

Questa che vi propongo è la ricetta originale barese, tuttavia, c’è chi preferisce cuocere gli spaghetti a metà cottura prima di trasferirli in padella.

Io ho provato entrambe le versioni e il risultato finale è molto simile.

Volendo dare un tocco di originalità al piatto, potete completare con una grattugiata di scorza di limone o per un piatto più ricco, potete servire gli spaghetti con sfilacci di burrata. 

Facebook Comments

You Might Also Like

6 Comments

  • Reply edvige 10 Febbraio 2020 at 12:30

    Direi risottata a me piace questo modo. Presa in nota da fare grazie non la conoscevo. Buona settimana.

    • Reply m4ry 10 Febbraio 2020 at 15:06

      Sì, è risottata e poi, bruciacchiata ad arte ;) Buona settimana a te e a presto!

  • Reply Gaia Sera 11 Febbraio 2020 at 7:54

    Non conoscevo questi spaghetti e non mi è purtroppo capitato di mangiarli nel mio ultimo viaggio in Puglia ma li replicherò velocemente perché li trovo incredibilmente golosi. Un piatto semplice ma perfetto come spesso accade in Puglia grazie agli ingredienti di cui avete la fortuna di poter disporre. In quanto all’arrivo precoce della primavera io sono come te. Mi spaventa a morte e guardo attonita la gente che si rallegra di questa anomalia senza pensare a quello che rappresenta. Ultima cosa ma molto importante: Steinbeck. Sai quanto tempo era che non lo sentivo citare eppure è uno dei miei scrittori preferiti.. La valle dell’Eden ma per quel che mi riguarda ancor di più Al dio sconosciuto ed Uomini e topi. Un interprete straordinario dei sentimenti che descrive con pudore di personaggi che possiedono una vita propria. Bello il fatto che io non sia la sola in questo periodo nel quale Steinbeck sembra completamente dimenticato. Grazie di aver condiviso Mary. Mi hai resa felice davvero ❤️

    • Reply m4ry 12 Febbraio 2020 at 10:36

      Che bello averti qui! Ciao <3
      Questi spaghetti sono una vera delizia, io, poi, amo tutto ciò che resta un po' croccante e soprattutto, adoro la pasta bruciacchiata :) Il tempo, ormai, è completamente impazzito. Negli ultimi giorni un forte vento si è alternato a temperature di 20 gradi. Cavoli, siamo solo agli inizi di febbraio, in pieno inverno. La trovo una cosa inconcepibile, mi fa rabbia e mi fa sentire al tempo stesso impotente. Anche se nel mio piccolo, faccio davvero il possibile per tutelare questo vecchio, stanco pianeta. Steinbeck... il libro mi è stato suggerito da una persona a me molto cara, che ha una cultura e una conoscenza immensa e visto che mi fido ciecamente, non ho potuto fare a meno di leggerlo. Me ne sono innamorata. L'ho divorato e riposto a malincuore. Mi sono ripromessa di leggere altre cose sue. Leggo tantissimo e nonostante ciò, ho un'ansia vera (mista a paura) di non riuscire a leggere, nell'arco della mia vita, tutti i libri che vorrei... Anche tu mi hai resa felice con questo tuo commento. Ti abbraccio forte <3

  • Reply zia Consu 17 Febbraio 2020 at 14:07

    Non avevo mai visto in giro questa ricetta…e non sai che acquolina mi hai fatto venire! Mi segno la ricetta nell’attesa di poterli mangiare in loco ^_^
    Hai ragione, i mutamenti climatici spaventano tantissimo anche me e questo febbraio così caldo mi mette in agitazione, nonostante come te sia in trepida attesa della bella stagione..
    Ti auguro una felice settimana <3

    • Reply m4ry 18 Febbraio 2020 at 9:41

      Sono deliziosi, Consu! Una vera chicca :) Un abbraccio e buona settimana :*

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Seguimi anche qui: