Bevande

Un estratto verde…come la speranza

20 gennaio 2017

Una settimana all’insegna del colore su questo blog…siamo passati dal viola intenso della vellutata, al verde di questo estratto. Viola e verde, sono i due colori che più amo. Il verde, in particolare, mi piace in tutte le sue declinazioni, anche se preferisco quelle più cupe e spente. Avevate dubbi a riguardo? Ma la mia tonalità preferita in assoluto è quella “verde sottobosco bagnato“. Okay, okay, sto scherzando…è una citazione da “Mine Vaganti”.

Il fatto è che su questo blog c’è colore, ma attorno a me non ce n’è affatto. Quella appena trascorsa è stata una settimana grigia, buia, piovosa e fredda. Quello che sta succedendo in centro Italia, poi, mi sta trasmettendo un gran senso d’angoscia. Ieri sera, mentre guardavo il tg, avevo l’ansia.

Cerco sempre di lasciare certi argomenti al di fuori di questo blog, perché mi piace che sia una piccola oasi di pace, serenità e riflessioni, ma a volte mi viene davvero difficile.

Così, non è un caso il titolo di questo post, e forse nemmeno il colore…verde come la speranza. Già, perché a volte c’è davvero bisogno di speranza, di credere in qualcosa. Di credere che prima o poi tutto tornerà alla normalità e che gli ostacoli si supereranno e che la vita ricomincerà a scorrere fluida, senza più intoppi. C’è bisogno di credere e sperare che ci sia la luce da qualche parte…e che ci sia un limite a tutto, anche alla sofferenza.

Penso sia normale e giusto vivere la propria vita e farsi carico soprattutto dei propri problemi e del proprio quotidiano, ma a volte è impossibile rimanere indifferenti davanti alla sofferenza degli altri, in particolare quando sembrano vittime di qualche strano accanimento. Non bastava il terremoto, no…evidentemente no.

Il fatto è che davanti alla forza della natura si può fare ben poco ma se poi c’è anche una grande incapacità o negligenza nell’uso di quelli che sono gli strumenti di “prevenzione e cura” a nostra disposizione…beh, le cose si complicano ulteriormente.

L’Italia è sempre la nazione delle “parole, parole, parole…”. A parole siamo tutti bravissimi, come quando c’è da apparire e basta. Ma quando c’è da rimboccarsi le maniche e agire, beh, lì si dileguano tutti. Anche e soprattutto quelli che facevano grandi promesse in cambio di voti e consensi.

Così oggi, in questa giornata cupa e buia, vi lascio l’idea per preparare un estratto verde come la speranza: mela verde, sedano, zenzero e limone. Il mio mix preferito. Da quando ho l’estrattore, gli estratti di frutta sono diventati il mio pranzo. Riesco a mangiare una quantità di frutta che per me prima era davvero impensabile. Penso che ora non potrei più farne a meno. Se state valutando l’acquisto e siete indecisi…beh, buttatevi, ne vale davvero la pena.

Vi auguro di trascorrere un buon weekend, qui ha ricominciato a piovere…pensavo di comprare un canotto, potrebbe tornarmi utile :)

Postcards from Italy

Stampa
Estratto di mela verde, sedano, zenzero e limone
Preparazione
5 min
Tempo totale
5 min
 
Per un bicchiere di estratto
Piatto: Drinks
Autore: m4ry
Ingredienti
  • 2 mele verdi
  • 1 gambo di sedano
  • 2 cm di zenzero
  • una fetta di limone
Istruzioni
  1. Lavate bene il sedano e la mela e tagliateli a fette. Pelate lo zenzero, private il limone della scorza e buttate tutto nel vostro estrattore, seguendo le istruzioni d'uso.
  2. Bevete subito.

Facebook Comments

You Might Also Like

14 Comments

  • Reply Rebecka 20 gennaio 2017 at 12:57

    Per lasciar passare il senso di ansia, di angoscia, bevo un sorso di questo verde, certa che la primavera arriverà presto e ogni cosa tornerà a fiorire…anche la speranza!

    • Reply m4ry 22 gennaio 2017 at 18:44

      Tanta speranza…un abbraccio :*

  • Reply sandra 20 gennaio 2017 at 13:30

    uuuuuuuu, una giornatuccia oggi! mi sento destrutturata. vengo da te a respirare un po’ di serenità, con il tuo verde speranza.
    ti voglio bene grande donna
    P.S. delle foto non ti dico più niente ormai, sono sempre avvolgenti!

    • Reply m4ry 22 gennaio 2017 at 18:42

      Ti voglio bene anche io Sandra mia…grazie di cuore <3

  • Reply ipasticciditerry 20 gennaio 2017 at 15:15

    Io l’estrattore non ce l’ho ma mangio talmente tanta frutta e verdura che il mio contadino, quando vado a fare la spesa (ogni settimana) mi stende il tappeto rosso … a me piace molto proprio masticarla la frutta e la verdura, sentirla sotto i denti. Per questo non ho mai preso in considerazione l’estrattore. Che ti devo dire Mary? Qua si è capovolta l’Italia. Noi abbiamo grandi giornate di pieno sole e cielo azzurro, come non mai. Certo, anche un gran freddo, le temperature mattina e sera, sono sempre sotto lo zero. Però non piove, non nevica … che ti devo dire? Io quando sento e vedo quella povera gente, così già martoriata e in mezzo a tutta quella neve, me ne farei carico volentieri, al posto loro. Ma come si fa? Non si può decidere noi … soffro, soffro anche io terribilmente. Oggi ho pianto, sentendo la notizia di quelle sei persone, ancora viva, sotto tutta quella neve. Un miracolo, un vero miracolo Bisogna credere per forza Mary, dobbiamo credere per forza. Altrimenti è tutto finito. Se ci lasciamo prendere dal grigiore, dallo sconforto, dal pessimismo, non si va da nessuna parte. Su tutto il resto hai ragione; massa di gente bugiarda e incompetente, falsa ed opportunista, incapace e egoista … mi fermo qui, che è meglio. Ti mando un grande abbraccio. Cerca di reagire, tira fuori la mia Mary ♥

    • Reply m4ry 22 gennaio 2017 at 18:42

      Io con la frutta invernale fatico un po’ di più. Non che non mi piaccia, ma mi sazio subito e non riesco mai a mangiarne la quantità che vorrei. Con l’estratto, invece, me ne faccio fuori mezzo chilo così, senza accorgermene.
      Quanto al resto, che dire Terry…siamo impotenti…ma la speranza e la voglia di cambiamento sono sempre con me, e non mi mollano. Ognuno di noi, nel proprio piccolo, può fare tanto. Un abbraccio amica mia bella <3

  • Reply zia consu 20 gennaio 2017 at 21:57

    Anch’io voglio sempre lasciare fuori dalla mia oasi felice quello che mi crea ansia, preoccupazione e dolore, ma non sempre è possibile…spero che il verde del tuo gustosissimo frullato sia di buon auspicio.
    Buon we <3

    • Reply m4ry 22 gennaio 2017 at 18:39

      Incrociamo le dita…il colore è quello giusto :*

  • Reply Silvia Brisi 21 gennaio 2017 at 23:31

    Guarda, io sto puntando tre elettrodomestici, uno di questi è l’ estrattore, mi spaventa non poco la pulizia, non so se ho voglia di pulirlo così spesso quanto lo vorrei usare e non vorrei che poi per pigrizia non lo usassi . . . però si, è una figata, tutte quelle vitamine in un bicchiere appena estratto!! Per il resto non ho parole . . . ringrazio che ci sono persone addestrate bene e che sono riuscite ad arrivare sul posto, non riesco ad immaginare il mazzo che si sono fatti, spero solo che la politica non tolga anche quelle dpo gli spazzaneve e tutto il resto . . .
    Un abbraccio!

    • Reply m4ry 22 gennaio 2017 at 18:38

      Per quanto riguarda l’estrattore ti ho scritto un messaggio in MP su fb.
      Quanto al resto..ho le scatole girate…un abbraccio Silvia !

  • Reply patalice 22 gennaio 2017 at 22:00

    è pregevole tu voglia tenere più colore possibile tra le righe di questo bel blog, perché si, in effetti di grigiume ce n’è a bizzeffe intorno a noi… la situazione in Italia ha tutte le sfumature di grigio che si possano immaginare, ma ha anche la forza capace a distrarre la paura facendo arrivare lontano e forte l’urlo della solidarietà
    verde
    speranza

    • Reply m4ry 23 gennaio 2017 at 9:29

      Ci provo…ma a volte non è facile. Sono giorni difficili. Grazie per essere passata. Buon inizio settimana :)

  • Reply Elle 25 gennaio 2017 at 20:05

    L’estrattore, ah, l’estrattore! Se si potesse estratte il buono anche da ciò che ci circonda, e buttare il resto…
    Io non seguo il notiziario, le notizie mi arrivano comunque, un po’ diluite, ma fanno comunque effetto, perché si ripetono drammi su drammi, poi le notizie svaniscono, ma quel che è successo rimane.
    Che il verde ci aiuti, almeno lui.

    • Reply m4ry 27 gennaio 2017 at 9:57

      Sarebbe bello Elle sì, magari si potesse estrarre solo il buono dalle persone e buttare via tutto il resto…fai bene a non seguire tg e affini. Ci sono momenti in cui mi astengo anche io. Momenti in cui sento il bisogno di prendermi una pausa da tutto ciò che mi/ci circonda. Un abbraccio e buon venerdì. Io sono a letto da tre giorni…non sto affatto bene :(

    Leave a Reply