Frammenti di vita

Ancora #puglia, tra i Trulli di Alberobello e Galatina

29 luglio 2016

I sentieri si costruiscono viaggiando.
(Franz Kafka)

Alberobello 06

Lasciate partire Bird Gurhl

Ormai ci sto prendendo gusto a portarvi a spasso per la mia amata #puglia. La verità è che mi piace confondermi con i turisti, quelli veri, e andarmene in giro con la macchina fotografica tra le mani, a catturare angoli suggestivi capaci di riempirmi gli occhi e l’obiettivo. O forse la verità è che mi approccio sempre da “turista”alle cose. Con curiosità, come se fosse la prima volta, anche se non lo è. Ma se ci pensate, tutto cambia. Anche un tramonto, seppur guardato nello stesso posto, non sarà mai uguale a quello del giorno prima. Come non sarà mai uguale il suo modo di riflettersi e di ridisegnare luci, ombre e colori di tutto ciò che c’è attorno. A me non capita quasi mai di guardare le cose nello stesso modo, ogni volta colgo qualcosa di differente, magari un dettaglio, che cattura la mia attenzione e mi fa vedere in modo differente. Poi è anche vero che ci sono luoghi che più di altri non mi saziano mai e che sono capaci di affascinarmi sempre come la prima volta. Uno di questi è sicuramente #alberobello, località famosa per i suoi #trulli. E in effetti, i Trulli incantano. Come potrebbe essere il contrario? C’è solo da perdersi in tutto quel bianco, tra fiori, negozietti d’artigianato locale e aria di festa. Pensate che i primi trulli sono apparsi nella Valle d’Itria ( porzione di territorio della Puglia centrale, a cavallo tra la città metropolitana di Bari e le province di Brindisi e Taranto ) in epoca preistorica, e pare che venissero utilizzati non solo come abitazione, ma anche per seppellire i defunti. Tuttavia i Trulli più antichi presenti oggi ad Alberobello sono relativamente recenti e risalgono al XIV secolo. Infatti pare che questo tipo di costruzione sia stata imposta ai contadini nel XV secolo dai Conti di Conversano, per sfuggire a un editto del Regno di Napoli che prevedeva il versamento di tributi a ogni nuovo insediamento urbano. Così, per evitare il versamento, i trulli ( che venivano visti come costruzioni precarie), venivano costruiti e poi demoliti. Ed è un vero peccato, perché quelli più antichi sono andati persi. C’è da dire che a dispetto di quanto si pensasse, i trulli sono tutt’altro che strutture precarie, infatti, nonostante al loro interno manchino elementi di sostegno, posseggono una straordinaria capacità statica. In genere hanno una forma circolare, la base è di roccia naturale e la muratura in calce. Gli ambienti interni sono distribuiti intorno al vano centrale. La loro struttura, lo spessore dei muri e la scarsa presenza di finestre, garantiscono un equilibrio termico ideale, infatti sono freschi in estate e caldi d’inverno. Il tetto ha la forma di una “cupola” ed è fatto di pietra calcarea (le cosiddette “chianche” e “chiancarelle”) e termina in una chiave di volta frequentemente scolpita con elementi lapidei decorativi a carattere esoterico, spirituale o scaramantico. I Trulli di Alberobello sono stati dichiarati Patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO. Sono abitati e in alcuni casi, sono stati trasformati in dimore sofisticate e piene di fascino.  

Ma ora basta parlare, venite con me, che vi ci porto tra i Trulli e ve li faccio vedere da “vicino”…

Alberobello 73 Alberobello 75 Alberobello 78 Alberobello 79 Alberobello 87 Alberobello 86 Alberobello 85 Alberobello 95 Alberobello 97 Alberobello 30 Alberobello 29 Alberobello 27 Alberobello 17 Alberobello 14 Alberobello 13 Alberobello 11 Alberobello 07 Alberobello 03

Ora spostiamoci a #galatina, che è il terzo maggior centro abitato della Provincia di Lecce. E’ una cittadina molto carina con un centro storico che merita sicuramente una visita. A Galatina (tra il 27 e il 29 giugno)  è ancora vivo il fenomeno delle “tarantismo”. In realtà la “pizzica” o “taranta” ha proprio origini galatinesi e qui si celebra ogni anno. Passeggiate per questa piccola e graziosa cittadina del #salento. Chiese e palazzi storici vi riempiranno gli occhi. Gustatevi un pasticciotto, sorseggiate un caffè al ghiaccio con latte di mandorla e lasciatevi trasportare dall’atmosfera lenta e rilassata che solo certi luoghi sono capaci di trasmettere…
Ecco per voi qualche piccolo scorcio…

Galatina 38 Galatina 45 Galatina 48 Galatina 53 Galatina 54 Galatina 64 Galatina 70

Spero che questo piccolo viaggio virtuale nei luoghi di #puglia vi sia piaciuto. Vi saluto, vi auguro un buon weekend e naturalmente, come già promesso, non mancherò di condurvi in altre località di questa mia bellissima terra.

Facebook Comments

You Might Also Like

8 Comments

  • Reply saltandoinpadella 29 luglio 2016 at 13:17

    Le tue foto sono sempre stupende con dei colori magici. Alberobello è delizioso ma devo dire che quando ci sono stata c’era troppa gente per i miei gusti. Non amo i posti super affollati. Invece Galatina mi manca, le foto mi hanno ricordato molto Lecce

    • Reply m4ry 29 luglio 2016 at 14:39

      Sai che anche a me dà fastidio la confusione ? Infatti domenica sono stata molto fortunata, c’era pochissima gente ( forse perché era presto e faceva caldo…). Galatina sì, somiglia molto a Lecce :) Grazie di cuore Elena, un abbraccio :*

  • Reply zia Consu 31 luglio 2016 at 9:18

    Quante emozioni ho lasciato in Puglia e tu le hai fatte riaffiorare in superficie..grazie del viaggio tesorina e felice domenica <3

    • Reply m4ry 2 agosto 2016 at 9:42

      Grazie a te Consu cara :*

  • Reply Silvia Brisi 31 luglio 2016 at 21:10

    Che bellezza!! Sono stata ad Alberobello, tantissimi anni fa, mi aveva molto colpita e anche adesso guardando le foto me ne sono riinnamorata!! Che spettacolo il vostro Sud, me ne sento rapita, sarà il mio quarto di origini siciliane che si risveglia??
    Un abbraccio cara, buona settimana!!

    • Reply m4ry 2 agosto 2016 at 9:41

      Già…direi di sì, che il tuo sangue meridionale a tratti affiora ;) Un bacione Silvia !

  • Reply Elle 1 agosto 2016 at 12:42

    Bei paesini, sei pure riuscita a fotografare scorci senza turisti ;) Mi piacciono sempre quelle insegne antiche disegnate! Io sento di avvicinarmi alle mie ferie anche grazie a queste foto così calde.

    • Reply m4ry 2 agosto 2016 at 9:41

      Credimi, non è stato facile beccare angolini senza turisti…un po’ è stato anche merito dell’ora…era presto ;)
      Son felice di essere riuscita a trasmetterti un po’ di sensazione “vacanza” :) Ciao Elle !

    Leave a Reply